lunedì 28 dicembre 2009

entrevista feita pelo jornalista Andrea Palladino




Pubblicato in Velletri su POLITICA DOMANI Num 42 - Dicembre 2004

ARTE E CULTURA




Myra : hai attraversato con la tua opera parti importanti della storia del '900. Qual'è il peggior nemico dell'arte, della cultura?

- Sai a volte la peggiore barriera si trova dentro di noi. Penso che la libertà sia il valore fondamentale, che deve essere il nostro spazio. La libertà ci è indispensabile. Ma quale libertà? La libertà di lottare contro i falsi miti, ad esempio, il falso sentimento esagerato del nazionalismo, religioni che ciecano, lavori alienanti che ci incarcerano nella società di consumismo, e, di conseguenza ci trasformano in oggetti di consumo. La condizione primordiale di un artista è la costante ricerca della libertà. Dunque, mai dimenticare il nostro obiettivo iniziale: creare. Però, creare sempre con libertà.
Siamo gli esseri piu fortunati e liberi di questa terra. Dobbiamo averlo sempre presente. Stare ben svegli e liberi per ricevere indirizzi dall'inconscio, segni da tutto quello che viviamo e riceviamo da altri esseri e cose che ci circondano.

: La scelta dell'arte astratta può apparire, però, una sorta di rifugio, di allontanamento dalla realtà, una scelta quasi metafisica...

- Che cos'è l'arte? E cos'è l'arte astratta? Non me lo sono mai domandato giacchè dipingo come respiro (anzi oggi giorno meglio non respirare troppo...), disegno, faccio oggetti, riciclo da anni carta straccia, creo "cose" con pezzi di metallo arrugginito, vecchie chiavi, tutto quello che la gente non vede. Ma dovrebbero. Non s'immaginano che belle cose escono dalle mani di un artista. Però, come potrei definire l'arte... Quel che vorrei dirti è molto semplice e molto importante: prima di essere un artista, devi essere, divenire un vero essere umano. Non sei una persona soltanto perchè esisti. No. Devi cominciare a sviluppare i tuoi sensi e chissà, inventarne altri, se ci riesci... e mai dimenticarti che sei libero. Arte è libertà, come dicevo. Libertà di dire, di fare, con onestà. Sì, lo so che mi ripeto, ma mi sembra molto importante, la libertà e l'onestà deve sorgere, prima di tutto, da te stesso.
La creazione artistica non si riassume soltanto nel dipingere o scolpire o incidere gigantesche piastre di metallo o bellissime pietre litografiche o inventarti disegni pieni di sottilezze, bensì, svegliarti di fronte a una finestra e respirare, passeggiare per le strade, camminare a piedi nudi sulla sabbia, ballare, pensare, fare l'amore con amore, vestirti, sistemare la tua casa. In poche parole, tutto questo è intimamente legato, relazionato con tutta l'esistenza, e soprattutto con il tuo prossimo.
Sentire il sole che brucia, l'acqua quando ti bagni, il sale dell'acqua del mare sulla tua pelle, sentire l'erba mentre cammini scalzo, e anche la tristezza di una separazione o la rabbia di un errore fatto, sentire la tenerezza con la quale guardi un bambino sconosciuto al quale hai sorriso, così senza ragione, o un amico che incontri.
Siamo esseri sociali, quindi dobbiamo avere sempre presente l'integrazione, la solidarietà, l'equilibrio, il ritmo, l'armonia del mondo, degli uomini. Questa è la mia meta. Questo è, credo, l'arte.

: Velletri ha una tradizione artistica importante, un Liceo Artistico e tantissimi talenti. Tu hai insegnato per anni Belle Arti all'Università in Messico. Qual'era l'essenza del tuo insegnamento, che cosa cercavi di trasmettere ai tuoi alunni?

- Gli dicevo: "Voglio parlarvi rapidamente del tatto". Chiudete gli occhi e cominciate a toccare le cose. Il tavolo di legno. Un coltello. Un portacenere di terracotta. Una pietra. Che sensazioni differenti! Il freddo dell'acciaio, lo senti argentato, acuto, limpido, quasi stridente. La pietra ti porta al fiume, ai campi. L'asprezza o la levigatezza di una pietra ... Il legno ti ricorda le foreste, puoi fiutare il pino, o camminare sulle foglie secche. Tante cose che devi scoprire ...
L'olfatto, una sensazione di grande piacere o di orribile dispiaciere. Non ti sei mai chiesto che queste sensazioni possono causarti depressioni o euforia? Pensaci. Scoprilo.
Quando guardi, che vedi? Non devi soltanto vedere l'apparente. Si deve vedere, per esempio, una foglia e guardare anche l'ombra che lascia nello spazio. Devi vedere attraverso la foglia. Dalla sua nascita fino alla sua morte. Com'è fatta? Da dove viene? Dove va?
Odi una musica, una voce, un rumore. Non credi che anche l'eco sottile che lascia nell'aria, sia importante? Saper ascoltare è saper udire. Le parole non sono soltanto quello che dicono, sono molto di più. A volte è molto più importante quello che non dicono. Indovinare quel che rimane dietro di ogni parola, e il suo silenzio. Interpretare è realmente udire. E un giorno scoprirai che dipingere, disegnare, creare "cose" dal "nulla" - o quasi - non è solo una occupazione, o un divertimento, o una scappatoia dalle nostre nevrosi (per queste ci sono i psicanalisti). No, non è così, è una necessità che ci appartiene come ci appartiene la pelle che ci copre.

: Nell'arte astratta, quanto conta l'ispirazione e quanto la tecnica?

- La "famosa" ispirazione non esiste. Quello che succede è che, delle volte, senti qualcosa, un desiderio di comunicare, o una immagine che improvvisamente ti arriva nella mente o alle dita, o al fegato! Non so dove localizzare quest'impulso... Ma io non lo definisco ispirazione. Il desiderio, l'impulso repentino del quale ti parlo, non esisterebbe senza un lavoro costante, una tua disciplina interiore. Lavorare tutti giorni, questo nostro lavoro, che non vorrei chiamare lavoro, perchè oggi giorno questa parola s'è distorta, dovuto alle esigenze quotidiane della società: "lavoro dunque guadagno soldi "; anche se è un lavoro uguale a tutti c'è una differenza: è fatto con più piacere, con più libertà, con una gran dose di amore. Allora, un giorno, questo ci proporziona una "cosa", e rimaniamo fermi come sospesi nell'aria, per un breve tempo... in questo stato, calmi, attenti, guardiamo dentro di noi. Questo momento è molto importante.
Delle volte la creazione ha momenti crudeli. Perché è uguale a una nascita, c'è angoscia, lacrime. La creazione sorge anche - credo - dalla distruzione. Distruzione del passato, volontaria o meno. Ma sì, distruzione, perchè, come qualsiasi atto creatore, nasce dal nulla, però mai dal caos. E il vuoto che lascia, fino a giungere il culmine della creazione, è crudele.

Myra : che ruolo senti che possa avere l'artista in questi anni?

- Darò un consiglio che un giorno mi hanno dato: non perdere il tuo tempo, la tua energia con le persone a cui non puoi dare nulla, e che nulla ti possono dare. La meschinità, l'invidia, quelli che hanno come passatempo l'odio, la critica, che fanno del male ad altri e così anche a loro stessi, neanche devi guardarli. Impiega la tua energia, e anche la tua violenza per combattere la violenza, ma, con l'arte! Questa violenza che c'è in giro, che ci invade dall'istante che ci invade l'ossigeno, questa violenza che ci avvolge, provocata da ambizioni sbagliate, accecata da menti corrotte, questa violenza, combattila.
Lotta per finire con questa alienazione che ogni giorno ci circonda di più.
Difficile, ma il creatore può dire, scrivere, manifestare con qualsiasi mezzo, l'artista ha l'obbligo di rompere le catene, rompere leggi errate, rompere il cerchio dell'alienazione e creare altre leggi. Le vere, quelle della bellezza, dell'amicizia, della solidarità, della creatività. Tutto questo è arte.

16 commenti:

Luísa ha detto...

Grandiosa Myra!
Arte é cada palavra lançada ao ar, que prontamente transforma em forma, desenho, traço!
Parabéns pela fabulosa entrevista!
Beijinho de despedida de 2009

João Menéres ha detto...

Parabéns pela entrevista!
Mas deste cabo de conceitos que guardo, embora seja receptivo a rompimentos e não me recuse a praticá-los.

Um beijo, MYRA.

Chica ha detto...

Linda entrevista, és artista de verdade!beijos e acabei de publicar teu texto(das vassouras) no vendoascoresdavida.

obrigado,beijos e tuuuuuuuudo de bom!chica

rosso ha detto...

Eres una persona "sabia"
ademas de artista o
precisamente por ello.

Un abrazo

marina ha detto...

qué decir....
...

:-)


tan cierto, y como dice Rosso, tan sabias palabras...

que el arte que que nazca de ahora en adelante sea el arte que has descrito...!

un abrazo cálido,

Memória de Elefante ha detto...

Parabéns pela bela entrevista.
A arte sempre é soberana.

Um beijo

Brancamar ha detto...

Querida Myra,

Adorei ler esta entrevista, que mostra a pessoa sábia e generosa que és.
Bom saber como consideras a arte tão integrada na vida e como pensas como eu digo tantas vezes, apesar de não ser artista, que a arte é essencialmente liberdade e amor e rompe com toda a alienação, com os falsos mitos, com os nacionalismos exacerbados, por isso ela está sempre na vanguarda das grandes e definitivas lutas (pacíficas), dos avanços da humanidade, de todas as suas conquistas e indica o caminho do futuro, porque transforma, porque nunca se acomoda, porque é uma interrogação constante.
Quem sente assim a vida com a tua sensibilidade, com tanto amor e generosidade tinha forçosamente que ser uma grande artista.
" Arte è libertà, come dicevo. Libertà di dire, di fare, con onestà."
Gostei particularmente da parte em que dizes que a criação artística não se resume à peça de arte, mas também à forma como sentes a vida - "...bailar, pensar, sentir a água quando te banhas, o sal da água do mar na tua pele, sentir a erva quando caminhas descalço..." e tantas coisas mais.
Lindíssimas todas as imagens que nos trazes da vida, da arte e da capacidade de criar.
Parabéns Myra, cada dia gosto mais de ti.
Beijo imenso de muito carinho.
Branca

Márcia ha detto...

Myra querida,
2010 anuncia bons ventos que levarão para longe toda angustia e dor.
Feliz sejam seus dias, diariamente.
beijos carinhosos
Márcia(clarinha)

Anonimo ha detto...

obrigada, gracias, a voces todos!
e mais uma vez feliz ano 2010!

Maria Dias ha detto...

Não entendo Italiano, Francês,nem espanhol mas entendo tua alma mesmo daqui(e q bom q entendes Português...rs...Assim podemos trocar bem mais não é?).Myra,um Ano Novo repleto de paz interior e inspiração. Quem sabe vc possa preencher novas telas com novas cores e formas e sabores...Muita luz para te dar inspiração jovem senhora!Este ano será regido por Vênus e as Artes,o amor, a beleza e a mulher estarão em alta!

Forte abraço

Maria

myra ha detto...

tu, il cinese, ma mi puoi dire chi sei e che dici????
se no, ti elimino!!!!

myra ha detto...

e, l'ho eliminato...:)

Mauro ha detto...

linda intervista.

pero te contesto la primera parte sobre la religion, obviamente. si, estoy de acuerdo la mayoria de las religiones dogmaticas enciegan, pero sera asi con TODAS, se puede generalisar?
mi experiencia con el judaismo no es la de una religion dogmatica, es una camino de vida que justamente trata de llegar a esta misma liberdad que tu defines tan bien, justamente en viviendo una vida, cada dia, en relacion con el Gran Artista de este magnifico Universo, el Ser Libre por excelencia, en Cuya imagen de seres libres fuimos creados, y por la cual cada uno de nosotros nos cuesta seguir cualquier ley falsa, pero si esa ley no es falsa, pero un camino justamente hacia la liberacion de esta agenacion, entonces dentro de un mundo de leyes uno crea su nueva condicion de ser libre, justamente como un artista abstracto no va nunca dibujar figurado, una ley, lo podria obviamente hacer, somos seres libres de romper las leyes, pero si uno las rompe se acabo el chiste de su arte personal, no es asi? asi vale exactamente lo mismo con su camino personal hacia nuestro Creador, el Grande Artista, en cuya presencia vamos a compartir nuestra eternidad.

myra ha detto...

Mauretto querido, yo soy artista abstracta,si,pero nadie me proibe hacer arte figurativa, ni siquiera yo!!! si quiero volver a hacer figuras, lo hago sin problemas.Y si quiero romper leyes, las rompo!!!y no por esto ya no tendré un arte personal.Se trata de talento,-sin falsa modestia - imaginacion y deseos de criar y constancia. Esto es todo.
besos

bondearte ha detto...

myra:
Primeiramente quero expressar a minha satisfação em ler esta entrevista,tão realista e tão completa sobre a arte e o pintor.
Eu concordo e entendo quando você se refere a arte como um instrumento de concientização da sociedade, concientação do ser humano.
Uma obra de arte não deve ser concebida para atender objetivos politicos ou religiosos,ou mesmo objetivos comerciais. Uma obra de arte é antes de tudo uma ferramenta para despertar espiritos
é um veiculo para ligar as almas, espectador e obra, haja vista que a comunicação entre a obra e o espectador é antes de tudo um encontro de almas, é puro sentimento,a comunicação é muda sem som, sem palavras,se dá na parte mais profunda do ser.
Achei o seu conselho magnifico,
não devemos perder tempo com pessoas que não nos podem acrescentar nada,nada podemos trocar com elas.
Pessoas com este perfil só querem tirar do mundo, só querem tirar das outras pessoas, elas não querem acrescentar nada ao mundo.
Devemos guardar nossa energia para combater o mal,e tentar canalisar nossas ações para o bem , devemos contribuir para um mundo mais humano e mais justo para todos.
Todos podem contribuir com suas ações diarias, artistas ou não , todos são importantes nesta cruzada.
myra,peço desculpas pela extensão do texto, porem as suas colocações e as suas palavras tão corretas e fortes fizeram com que eu fosse mais alem no meu comentário.
Eu agradeço você por ter compartilhado conosco esta magnifica entrevista.
Atenciosamente
Paulo

myra ha detto...

Paulo, obrigada peo tudo que diz. Sim,estamos de acordo...gostei de ter conhecido voce atraves daqui...seguimos adiante,eu tenho menos tempo que voce, mas nao faz mal, sigo....